Skip navigation.
Home

Nuovo geoparco in Italia: Alpi Apuane

Otto sono diventati i geoparchi italiani riconosciuti nella rete mondiale Unesco con l'ammissione del parco toscano delle Alpi Apuane.
Maurizio Burlando, coordinatore del Forum dei geoparchi italiani, ce l'aveva segnalata definendola “importante”. E i motivi per definirla tale erano e sono tanti.
Secondo la definizione che gli stessi amministratori danno all'area, le Alpi Apuane “si distinguono dal vicino Appennino grazie alla morfologia assai aspra, con le loro valli profondamente incise e i versanti imponenti e molto inclinati. Sono conosciute per la bellezza dei propri marmi e per i profondi abissi e le grandi cavità del sottosuolo carsico. La posizione geografica del massiccio, la sua esposizione e la diversa natura delle rocce, determinano la presenza di ambienti quanto mai vari e contrastanti, che favoriscono la ricchezza floristica e faunistica del territorio”.
Un concentrato di ecosistemi che, per usare un’efficace formula del direttore Antonio Bartelletti, sono “un anticipo delle Alpi, poiché si passa da paesaggi mediterranei a paesaggi tipicamente alpini nel breve volgere di pochi chilometri”.
L'idea del geoparco non è una trovata recente. Nata 10 anni fa è rimasta per parecchio nel cassetto a causa di una serie contestazioni che ne hanno rallentato l'azione. “Ora però ci aspettiamo che tutto il territorio ne riconosca il valore” ha dichiarato Giuseppe Nardini, presidente dell'ente che governa l'area protetta.
FONTE: ECOTURISMONLINE
http://www.ecoturismonline.it/ecoturismo/eco-itinerari/alpi-apuane-ottav...